La Comunità che ci prefiggiamo di costruire con il contributo dell’Università de La Habana, Dipartimento di Psichiatria, e del Governo Cubano è una struttura residenziale di minimo 20 posti letto o multipli di esso. I pazienti saranno collocati 2 per ogni stanza e sarà prevista una stanza singola. I progetti riabilitativi avranno la durata minima di un anno e potranno essere rinnovati più volte. I pazienti vivranno stabilmente 24 ore su 24 nella residenza che d’ora innanzi chiameremo Comunità. Il personale sarà reclutato a cura dell’Università de La Habana e sarà formato dal Dr Ascanio G. Vaccaro, che è anche titolare del progetto e da suoi collaboratori con periodici incontri di un paio di settimane più volte l’anno. Il Governo e il Ministero della Salute metterà a disposizione un edificio idoneo da calcolarsi nella superficie minima di 1000 mq ogni 20 pazienti. Con eventuali finanziatori o sponsor si provvederà, se necessario, alla ristrutturazione della struttura per renderla idonea allo scopo. Sarà valutata anche la possibilità di stabilire una partnership tra il Dr. Vaccaro più eventuali suoi soci e il Governo Cubano. Il Governo potrà darà in affitto lo stabile che metterà a disposizione o glielo venderà a un prezzo da concordare in base al valore degli immobili a Cuba.

La collocazione della Comunità psichiatrica è possibile prevederla anche in un contesto più ampio, per esempio termale, offrendo in questo caso anche altri tipi di servizi di natura sanitaria e alberghiera. Si può prevedere di fornire servizi a pagamento per pazienti provenienti dall’estero (Italia, Europa, Usa …) con programmi intensivi per 2-3 settimane. Tra i vari servizi offerti sono previsti esami di laboratorio complessi come Risonanza Nucleare Magnetica, Elettro Encefalogramma di nuova generazione, valutazione testale, diagnostica e terapeutica di alto livello. In tal caso andrebbe concordato una tariffa forfettaria per il soggiorno, la diagnosi e le cure alle tariffe vigenti a Cuba.

Per una prima start up sarebbe comunque opportuno partire con una Comunità di massimo 10 posti letto all’interno de La Habana Vieja reperendo una struttura con la disponibilità del Governo Cubano e del Governo Locale. Come per la Comunità di 20 posti è prevista la presenza di un operatore 24/24 ore con servizio di reperibilità telefonica dello psichiatra nelle ore notturne e nei giorni festivi. Le figure professionali necessarie, per la Comunità di dieci posti letto, sono 2 psichiatri, 3 infermieri, due psicologi, 3 educatori professionali. Per quella da 20 posti letto sono all’incirca il doppio. Il personale sarà interamente cubano salvo eventuali figure d’appoggio italiani. Sarebbe opportuno per la formazione degli operatori cubani infine far partire un apposito insegnamento a cura del dr. Vaccaro presso l’Università de La Habana specializzazione di psichiatria. Altrettanto utile sarebbe la formazione a distanza via web con Skype o simili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here